Elettrostimolazione

Elettrostimolazione

Spesso in televisione ci capita di vedere spot di corpi scultorei nel contesto di una palestra o nell’ambiente domestico. Solitamente al fianco di pesi, bilancieri, panche e cyclette scorgiamo strumenti elettrici (elettrostimolatori) i quali vengono apposti su cosce, pettorali, addominali e braccia. Essi, tramite impulsi elettrici di varie intensità, provocano al muscolo, attraverso le fasce nervose che stimolano la fibra muscolare, delle contrazioni più o meno accentuate.

Questa attività porta il muscolo ad un lavoro passivo irrorandolo di ossigeno sviluppandolo. Può succedere che durante un intervento un nervo venga inavvertitamente toccato o stirato, provocando una temporanea paralisi del muscolo.

elettrostimolazione

Elettrostimolazione una scelta non solo estetica

L’elettrostimolazione induce il muscolo a lavorare, a rinforzarsi e a ritornare alla sua funzionalità originaria. Un altro campo in cui l’elettrostimolazione è utile lo troviamo nel recupero della tonicità muscolare, dopo un periodo di immobilizzazione forzata a causa di un trauma o di una frattura. I muscoli inattivi perdono abbastanza in fretta il loro volume andando ad atrofizzarsi (cosa fortunatamente reversibile).

Le fasi di una seduta di elettrostimolazione

Dopo una valutazione medica, il tecnico riabilitatore stabilisce i punti di applicazione delle piastre elettriche in quanto, per ogni muscolo, corrispondono placche motrici diverse. Stabiliti i punti di applicazione si applicano le piastrine elettriche E si regolano i parametri degli impulsi (durata, ampiezza e scansione temporanea della scossa).

Il Poliambulatorio Filippini possiede alcuni macchinari per l’elettrostimolazione, è anche possibile eseguire tale trattamento al proprio domicilio previo addestramento, sul suo utilizzo, da parte del tecnico.

Richiedi informazioni, siamo a disposizione per qualsiasi richiesta