Visita cardiologica

Visita cardiologica

La cardiologia è una branca della medicina che si occupa di tutte le patologie o disfunzioni a carico del sistema cardiovascolare e delle sue cure. Il cardiologo è la figura professionale di riferimento, che si occupa anche della prevenzione del rischio cardiovascolare e la riabilitazione di pazienti sottoposti a rivascolarizzazione.

È una figura ancora fondamentale nel mondo clinico, poiché le malattie cardiovascolari sono, ancora oggi, una delle principali cause di mortalità nel mondo, dato che il cuore e le strutture vascolari da esso dipendenti rappresentano il motore dal quale dipende l’intero funzionamento del nostro organismo.

Per cui sarà necessario che l’intero sistema cardiovascolare non subisca alterazioni funzionali e/o strutturali, strettamente correlati a diversi fattori di rischio. Fattori di rischio che afferiscono soprattutto allo stile di vita che un uomo conduce, tra cui dieta ricca di grassi, scarsa attività fisica, stress fisico e mentale, tabagismo e abuso di alcool, ma anche fattori congeniti che predispongono ad anomalie strutturali.

Patologie che primariamente coinvolgono il cardiologo sono l’ipertensione arteriosa, infarto acuto del miocardio, scompenso cardiaco, ma anche deficit valvolari o patologie infettive virali o batteriche che interessano il muscolo cardiaco.

visita cardiologica

Patologie che primariamente coinvolgono il cardiologo sono l’ipertensione arteriosa, infarto acuto del miocardio, scompenso cardiaco, ma anche deficit valvolari o patologie infettive virali o batteriche che interessano il muscolo cardiaco.

Con la visita cardiologica è possibile, quindi, diagnosticare o escludere tali patologie cardiocircolatorie, o semplicemente monitorare una patologia preesistente, di cui si è già a conoscenza. A riguardo, il Poliambulatorio Filippini offre una serie di servizi, grazie alla disponibilità e professionalità di molti medici specialisti, costantemente aggiornati sulle nuove linee guida, con tecniche diagnostiche e strumentali sempre più innovative.
La Struttura mette a disposizione tutte le qualità necessarie affinché il paziente ottenga le migliori cure e il pieno recupero. Occorre soprattutto incentivare il paziente a migliorare lo stile di vita e ad eliminare tutti quelli che sono i fattori di rischio correlati. Nel dettaglio, la visita cardiologica non prevede nessun tipo di preparazione specifica. E’ fondamentale che il medico, acquisisca ogni tipo di informazione relativa al paziente, ma anche ai suoi familiari, per riconoscere eventuali predisposizioni patologiche.

Dopo aver conosciuto la sintomatologia (dolore o senso di costrizione toracico, palpitazioni, senso di stanchezza e facile affaticabilità anche a riposo, vertigini, tosse, ecc. ), ed aver valutato i fattori di rischio acquisiti o genetici, si procede con l’esame obiettivo, atto a valutare nel dettaglio l’attività funzionale cardiaca e dell’intero distretto cardiovascolare. Utilizzo di stetofonendoscopio, misurazione della pressione arteriosa, ed elettrocardiogramma (ECG) sono i primi strumenti del cardiologo per escludere o confermare patologie cardiache. Il medico specialistica potrebbe indicare al paziente di sottoporsi ad accertamenti diagnostici più accurati, per esempio un ecocardiogramma, un test da sforzo (attraverso il quale viene valutato il lavoro cardiaco quando il paziente è sottoposto ad un sovraccarico fisico graduale), o un Holter pressorio (con il quale viene monitorata constantemente l’attività elettrica e/o pressoria nelle 24 ore).

Insomma, ricordandoci che il cuore è il muscolo più importante del nostro corpo, è bene capire che la “cura” migliore è la prevenzione, non solo migliorando e modificando le nostre abitudini quotidiane, seguendo una dieta alimentare sana, evitando la sedentarietà, fumo e alcol, ma anche dando importanza ai sintomi e ai segni che a volte ci fanno capire quando sia necessario rivolgerci ad un medico.

Richiedi informazioni, siamo a disposizione per qualsiasi richiesta